ASD FONTIVEGGE GRYPHUS


LA GINNASTICA RITMICA

 

La Ginnastica Ritmica si sviluppò nel XIX secolo dagli stili ginnici tedesco e svedese. Il primo campionato del mondo ebbe luogo nel 1963 a Budapest Ungheria. La ginnastica ritmica entrò nel programma dei Giochi olimpici estivi di Los Angeles nel 1984; anche in questo caso si trattò inizialmente solo di prove individuali, mentre la gara di gruppo venne inserita solo nel 1996 nelle Olimpiadi di Atlanta, USA.

 

La ginnastica ritmica è uno sport tecnico-compositorio in cui si trovano insieme elementi propri della danza ed elementi acrobatici, ai quali si unisce la maestria nell’utilizzo dei piccoli attrezzi (fune, palla, cerchio, clavette e nastro).

La musica occupa un ruolo fondamentale all’interno di questa disciplina: ogni movimento viene abbinato ad essa con esecuzione a ritmo, rendendo il tutto più armonico, all’interno di una continua fusione tra movimento dell’atleta e attrezzo.

La ginnastica ritmica favorisce lo sviluppo armonico corporeo e il rafforzamento muscolare della ginnasta, oltre a migliorare la postura, l’equilibrio e la mobilità articolare. Tale disciplina inoltre aiuta lo sviluppo del ritmo e della musicalità, favorendo la creatività e la libera espressione corporea di chi la pratica, rendendola capace di esprimere eleganza, armonia, elasticità e leggerezza.

 

Nel campo delle competizioni di squadra, l'Italia è regolarmente in lizza per i più importanti titoli a livello internazionale.

In particolare, la squadra Italiana di Ginnastica Ritmica, le cui componenti sono soprannominate “Farfalle azzurre”, ha conquistato la medaglia d'oro nella prova con 3 cerchi e 2 clavette al campionato mondiale di Baku, Azerbaigian del 2005, oltre a due medaglie d'argento nel completo e nei 5 nastri. Anche ai campionati europei di Torino nel 2008, la squadra nazionale mostra il livello raggiunto dalla scuola italiana, conquistando l’oro alle 5 funi e l’argento a cerchi e clavette. Si sono aggiudicate nel 2011 il primo posto nel Concorso Generale della tappa di World Cup in corso a Kiev e nella tappa del 2011 a Montpellier.

Gaia Kapllani

Sofia Rossi